X
Menu
X

Tartina is the new stuzzichino: sei ricette per il tuo solito aperitivo in casa

Tartina is the new stuzzichino: sei ricette per il tuo solito aperitivo in casa

aperitivo e tartine sfiziose

Era dal 2008 che non parlavamo di aperitivo e, come per ogni cosa, anche per il tanto fashion e ricercato momento prima dei pasti in cui sorseggiare un cocktail e mangiucchiare qualcosa, le mode cambiano. Vi abbiamo spiegato come realizzare gli stuzzichini in casa, con quali drink accompagnarli, adesso invece vi proponiamo sei gustose ricette per preparare delle tartine invitanti.
Ma prima di tutto un po’ di storia, perché la storia è importante, così come sono importanti le parole (e il Grande Fratello).

L’aperitivo all’italiana affonda le sue radici nella Torino di fine Settecento, quando Antonio Benedetto Carpano inventò il Vermouth. Questo vino liquoroso, aromatizzato con erbe e spezie, dal gusto leggermente amaro, divenne la bevanda prediletta per “aprire” lo stomaco in vista del pranzo o della cena. L’aperitivo infatti non era come lo intendiamo oggi, ovvero una pratica esclusivamente serale del dopo lavoro, ma piuttosto un buon pretesto per ritrovarsi al bar e fare due chiacchiere da bancone anche a metà mattina o poco prima di pranzo.

Bevande amare e piccoli stuzzichini sfiziosi, avevano lo scopo di sollecitare l’appetito senza appesantire.
La diffusione dei cocktail al grande pubblico, è avvenuta relativamente tardi in Italia. Negli anni ’50, erano in grado di shakerare solamente i barman dei grandi alberghi avvezzi ad una clientela internazionale, prevalentemente statunitense. Successivamente approdarono alcuni grandi mix, come il Negroni, lo Sbagliato, l’Americano, il Bloody Mary, il Margarita e il Daiquiri con tutte le sue varianti. La diffusione al grande pubblico di questi cocktail internazionali ha portato all’evoluzione dell’aperitivo trasformandolo in una sorta di “happy hour” all’inglese.
Ricchi buffet senza fine fatti di tartine, affettati, salse, sott’aceti e sott’oli, teglie di pasta, riso freddo condito, sformati di verdure e chi più ne ha più ne metta.
Rivisitazioni più o meno chic di un momento dedicato non solo al palato, ma anche alla socializzazione e alla convivialità.

Sempre più diffuso anche tra le cene in casa tra amici, l’aperitivo si è evoluto in apericena a buffet, spesso composta da finger food, che altro non è che cibo che può essere mangiato con le mani e in un solo boccone.
Insomma aperitivi per tutti i gusti e per tutti i palati, in grado di stuzzicare o sfamare a seconda delle esigenze.

La ricetta d’aperitivo per antonomasia è la tartina, piccola, graziosa, da mangiare in un solo boccone senza per forza ricorrere alla forchetta e al piattino che già sanno di abbuffata.
Curiosando nel web si trovano davvero tanti spunti interessanti per creare in casa un aperitivo sfizioso, ispirandoci a quelli trovati sul sito della Galbani vi proponiamo alcune semplici ricette di stuzzichini per un aperitivo, dal tono chic e raffinato oltre che leggero e in grado di stimolare l’appetito, qualora ne abbiate bisogno.


TARTINE TOSCANE: LARDO, MIELE E POLVERE DI CAFFE’

  • Tagliare il pane bianco casalingo sulla quale andrete a posizionare il lardo di Colonnata in fette sottilissime.
  • Scaldate qualche minuto in forno preriscaldato a 180° in modo da fare struggere un pochino il lardo.
  • Dopodiché fate scivolare su ogni tartina mezzo cucchiaino di miele di spiaggia e qualche granello di polvere di caffè.
  • Disponete su un vassoio da portata e servite.

TARTINE ALL’INDIVIA

  • Scegliete per queste tartine un pane croccante o dei cracker tondi leggeri.
  • Decorate con invidia tagliata a fettine sottili che andrete a disporre in una ciotola assieme a una o due fette di prosciutto cotto tagliate alte e tritate.
  • Posizionate il composto sopra i cracker e aggiungete una fetta sottile di brie.
  • Scaldate in forno fino a fare sciogliere il formaggio e poi decorate o con del sesamo o con dei pinoli, ma in entrambi i casi ricordate di tostarli precedentemente in padella in modo da esaltarne il sapore.
  • Servite le tartine tiepide in un vassoio o su un tagliere decorativo.

TARTINE BURRO, ACCIUGHE e KIWI

  • Prendere delle fette di pancarré che andrete a tagliare a triangolo.
  • Spalmateci sopra del burro, un po’ di pasta d’acciughe e una fetta di kiwi.
  • So che l’accostamento può sembrare insolito, ma il successo è garantito!
  • Se avete a disposizione un barattolino d’acciughe sotto sale, pulite qualche filetto e mettetene un pezzo sopra il kiwi in sostituzione della pasta d’acciughe.

TARTINE AROMATICHE

  • Mescolate del formaggio caprino con paprika piccante, pepe nero e curry.
  • Successivamente spalmate su qualche piccola fetta di pane toscano senza sale e condite con qualche goccia d’olio.
  • Posizionate le tartine su un piatto da portata in ceramica e servite.

BRUSCHETTA PIZZAIOLA

  • Tagliate del pane casalingo a fette e tostatelo in forno o nel tostapane.
  • Nel frattempo spellate i pomodori e riduceteli a piccoli dadini.
  • Condite con sale, olio, pepe e origano e disponeteli sulle fette di pane.
  • Spolverizzate poi con della mozzarella precedentemente sminuzzata ed infornate per qualche minuto a 180° fino a rendere il formaggio filante.

BRUSCHETTE DI GAMBERETTI E CALAMARETTI

  • Tagliate il pesce con le forbici in piccoli pezzi e disponetelo in una ciotolina.
  • Aggiungete un cucchiaio di pangrattato, prezzemolo tritato assieme a mezzo peperoncino, un filo d’olio, sale, pepe ed un uovo.
  • Mescolate in modo da far amalgamare bene gli ingredienti e disponeteli su delle fette di pane bianco casalingo tipo toscano senza sale. Infornate per circa 7/10 minuti a 180°.
  • Fate raffreddare e servite tiepidi su un piatto da portata.

Queste sono solamente alcune idee per realizzare un aperitivo semplice e sfizioso, in grado di accontentare sia i palati più stravaganti che quelli più classici.
A voi la scelta! Potrete reinterpretare, inventare o selezionare solo alcune ricette in base al vostro menù o al vostro gusto personale, purché ricordiate che l’aperitivo vero non deve appesantire, ma solo stuzzicare.

Detto ciò, non fate i tirchi e spendete ‘sti 5 euro per un aperitivo fuori: le tartine saranno sicuramente più buone di quelle preparate da voi.

Alessio Sbrana

 

Potrebbero interessarti anche:

Boulevard Grappa Spritz Veneziano Birra e Web Marketing a Milano: SEO Birra Gin & Tonic Ocafè, aperitivi con frutta di stagione a Firenze Come preparare un aperitivo a casa: i drink Apertass
Lascia una risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

drink@drink

Tutto quello che devi sapere prima di iniziare a bere è su drink@drink: le ricette dei cocktail che ami di più; i diari di viaggio alcolici per sapere dove servono i migliori drink; i segreti per trasformare casa tua nel miglior bar del mondo; tutto l'universo che ruota attorno al bicchiere; i riferimenti culturali per dare dignità al tuo sport preferito.
drink@drink
For a better drinking experience.