X
Menu
X

Etichette da vino: marketing e arte da collezione

Etichetta-Blusted-Churchetichetta-montepulcianoetichetta-donna-fugataetichetta-panizzietichetta-barolo

Etichettare un vino non è solo un obbligo legale e un interesse commerciale dei produttori. L’etichetta ha accompagnato il vino per millenni, attraversando la storia dell’umanità da semplice sigillo posto sulle anfore, nell’antica Grecia, a opera da collezione ed esposizione museale dei giorni nostri.

L’attuale legge italiana impone l’obbligo di etichettare i vini apportando delle indicazioni specifiche riguardo alla provenienza del vino; al nome o alla sede dell’imbottigliatore; alla categoria d’appartenenza (IGT, Doc, Docg); al grado alcolico; alla capienza della bottiglia; alla data d’imbottigliamento e di produzione.

Oltre che ad essere un “documento” di trasparenza tra produttore e consumatore, le etichette possono essere anche delle vere e proprie opere d’arte. Basti pensare al fatto che, in Italia, a Cupramontana (AN), dal 1987, esiste il Museo Internazionale dell’Etichetta del Vino.
Un luogo interamente dedicato all’arte delle “stampe” per vino, le cui origini risalgono alla metà del 1700, in Francia, e che trova, poi, una prima grande diffusione con l’invenzione della litografia, sul finire dello stesso secolo.

Al giorno d’oggi, la globalizzazione, l’evoluzione della grafica e delle tecniche di stampa, hanno favorito la personalizzazione delle etichette, che devono rispondere alle esigenze del mercato globale.
Oltre che agli studi grafici e di comunicazione, i produttori affidano ai grandi nomi della pittura il compito di “disegnare” l’abito dei propri vini, per vendere di più o per etichettare selezioni speciali dei loro prodotti.

Per gli appassionati del genere in Italia, dal 1990, esiste “L’Associazione Italiana Collezionisti Etichette Del Vino” (A.I.C.E.V.).

Condividi
Tags
Marcello Fittipaldi

Marcello Fittipaldi

A quattordici anni trova il suo “primo amore” in una bottiglia di grappa artigianale lucana. La relazione con la conterranea da 40°, però, non dura a lungo. Assetato di nuove “avventure”, percorre su e giù l’Italia e l’Europa, spingendosi in Cina e Stati Uniti. Tra cocktail, birre e distillati d'ogni sorta, quando si ritrova nel Chianti, in Toscana, scopre nel vino il suo "vero amore" e decide di trasferirsi a Firenze, vicino alle vigne del Gallo Nero. 

Potrebbero interessarti anche:

5 posti da non perdere nelle Langhe 3 consigli per comprare apribottiglie di qualità Spritz Veneziano Cantina Antinori nel Chianti Classico Vino da Messa: etichette divine a prezzi paradisiaci San Martino in Cantina: Vino Novello da Invecchiamento Cantine Morea, l’Aglianico con le spalle larghe USB Wine
Lascia una risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

drink@drink

Tutto quello che devi sapere prima di iniziare a bere è su drink@drink: le ricette dei cocktail che ami di più; i diari di viaggio alcolici per sapere dove servono i migliori drink; i segreti per trasformare casa tua nel miglior bar del mondo; tutto l'universo che ruota attorno al bicchiere; i riferimenti culturali per dare dignità al tuo sport preferito.
drink@drink
For a better drinking experience.