X
Menu
X

3 consigli per comprare apribottiglie di qualità

3 consigli per comprare apribottiglie di qualità

In commercio ce n’è davvero di tutti i tipi. In acciaio o in ottone. Coi manici di legno o di plastica. A strappo e a leva. A mano e automatici. Da parete, da tavolo e tascabili. Moderni, antichi e di design. Da collezionismo o da sommelier.

Come scegliere quello giusto nel Mare Magnum di apribottiglie in commercio?

Levacapsule o apribottiglie, cavatappi, cavaturaccioli o tirabuscion. Comunque lo vogliate chiamare serve ad un unico scopo: togliere il tappo dalla bottiglia. Sia esso di sughero o di plastica, a capsula o a corona è pur sempre un tappo, e per toglierlo abbiamo bisogno di questo indispensabile utensile.

Ma non è affatto facile orientarsi all’acquisto di un apribottiglie. Ecco 3 buoni consigli da seguire per trovare quello giusto:

1. Chiedetevi quante bottiglie pensate di stappare.

Se contate di aprire almeno una bottiglia al giorno optate per oggetti professionali. In caso contrario potete dare un’occhiata anche ai cavatappi di design: belli da vedere, ottimi da regalare, ma scomodi da usare.

2. Valutate l’uso che dovete farne.

Se ne cercate uno da casa, scartate quelli a parete, ad esempio. Sempre che non abbiate un bar a casa vostra dove invitate abitualmente gli amici. In tal caso meglio fissarne uno al muro. Ci sono sia da birra che da vino.
Se avete problemi di spazio e volete tenerlo nel cassetto, invece, scartate anche gli automatici, sono voluminosi e ingombranti, anche se incredibilmente funzionali.
Se state per partire in campeggio potreste sceglierne uno tascabile.

Se volete regalarlo pensate sempre a chi lo userà.

3. Chiedetevi se lo sapete usare.

Diffidate degli automatici che “fanno tutto da soli”, specialmente se cercate un cavatappi da vino.
Se non sapete aprire una bottiglia di vino, non ci riuscirete lo stesso. Evitate i cavatappi tradizionali a “strappo” e anche quelli da sommelier a “leva”. Optate, invece, per il classico cavatappi “casalingo” con le ali da estrazione. Ci riescono tutti!

Non vi resta che stabilire un budget massimo di spesa e la scelta è fatta. Ad ogni modo è sempre consigliabile optare per marchi noti e non eccessivamente economici. Un buon cavatappi deve avere materiali di qualità e le parti che lo compongono devono essere ben unite tra loro. Tutte caratteristiche di prodotti di fascia medio alta.

Condividi
Marcello Fittipaldi

Marcello Fittipaldi

A quattordici anni trova il suo “primo amore” in una bottiglia di grappa artigianale lucana. La relazione con la conterranea da 40°, però, non dura a lungo. Assetato di nuove “avventure”, percorre su e giù l’Italia e l’Europa, spingendosi in Cina e Stati Uniti. Tra cocktail, birre e distillati d'ogni sorta, quando si ritrova nel Chianti, in Toscana, scopre nel vino il suo "vero amore" e decide di trasferirsi a Firenze, vicino alle vigne del Gallo Nero. 

Potrebbero interessarti anche:

5 posti da non perdere nelle Langhe Spritz Veneziano Cantina Antinori nel Chianti Classico Vino da Messa: etichette divine a prezzi paradisiaci Etichette da vino: marketing e arte da collezione San Martino in Cantina: Vino Novello da Invecchiamento Cantine Morea, l’Aglianico con le spalle larghe USB Wine

Un commento a “3 consigli per comprare apribottiglie di qualità

Vincenzo says:

ho comprato per me e mio cognato uno di quelli da tavolo – spesa intorno ai 40 euro cadauno – e ha funzionato per dieci volte prima di rompersi- sconsigliatissimo!!!

Lascia un commento

Rispondi a Vincenzo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

drink@drink

Tutto quello che devi sapere prima di iniziare a bere è su drink@drink: le ricette dei cocktail che ami di più; i diari di viaggio alcolici per sapere dove servono i migliori drink; i segreti per trasformare casa tua nel miglior bar del mondo; tutto l'universo che ruota attorno al bicchiere; i riferimenti culturali per dare dignità al tuo sport preferito.
drink@drink
For a better drinking experience.